Novità dal mondo ISO

By 10 Settembre 2019Notizie

Il mondo della standardizzazione non va in vacanza e continua a produrre stimolanti novità.

È stata recentemente approvata dall’ISO e dall’IEC la versione finale (FDIS) della ISO 17029, importante norma che porta finalmente un po’ di ordine alle attività di verifica e validazione. Il nuovo documento, la cui pubblicazione è attesa entro un paio di mesi, introduce i requisiti di carattere generale per le attività di accreditamento in questi due ambiti senza entrare negli aspetti puntuali dei diversi schemi.

Aspetti puntuali che sono invece descritti per le verifiche e validazioni ambientali all’interno della ISO 14065 in fase di revisione, da utilizzare congiuntamente con la ISO 17029. Si ricorda, infatti, che rispetto alla prima versione di questo documento, dedicata alle sole verifiche e validazioni GHG, la nuova norma ha esteso il proprio campo di applicazione a tutte le informazioni di tipo ambientale e ciò dovrebbe portare un po’ di ordine ad un settore che si è mosso fino a questo momento in modo abbastanza disordinato. Si pensi ad esempio alle attività EPD che prevedono una poco giustificabile sorveglianza annuale.
Si segnala che il prossimo incontro dell’ISO/TC 207/SC7/WG6 si terrà ad inizio ottobre presso la sede di Accredia di Roma.

Completamente nuovo è invece quanto discusso 10 giorni fa presso l’Università di Berkeley, dove è stato dato avvio ad un nuovo gruppo di lavoro (WG13) dell’SC7. L’incontro del WG13 di Berkeley, a cui ha partecipato anche il nostro Daniele Pernigotti, segna il primo passo per lo sviluppo di una nuova norma sul calcolo delle climate footprint, basandosi sulla forzante radiativa. Da segnalare che su questo tema, proprio il governo della California ha già espresso un certo interesse e predisposto bozze di possibili nuove norme nazionali.

Leave a Reply